Valencia, l’Emisferic

Guida di Valencia, il nuovo che avanza

Non è famosa come Barcellona, né suggestiva come Siviglia. Ma si è consegnata nelle mani del suo più famoso architetto e gli ha detto “Fai di me quello che vuoi”. L’architetto in questione si chiama Santiago Calatrava e il risultato è piuttosto sorprendente e dimostra che antico e modernissimo possono andare d’accordo.
Valencia è una città dal cuore storico ma vestita alla moda, dove si mangia la vera paella, c’è un clima invidiabile e qualche bel museo da vedere. E dove lo spettacolare museo dedicato all’acqua, al mare, alla vita negli oceani incanta anche chi ha solide basi terrestri…

Dormire
Clicca qui per trovare il tuo hotel

Mangiare

Casa Ramon
Calle Borull 30
tel 0034 96 3915024
Una marisqueria dove mangiucchiare tapas a base di pesce.

Casa Roberto
Maestro Gozalbo 19
tel 0034 96 3651361
La paella è ottima ma l’ambiente molto maschile. Il proprietario ha un amico famoso torero e qui si ritrovano tutti gli aficionados. Vacci se ti senti all’altezza di sostenere uno sguardo “taurino”.

Sant Joan’s
Calle Pere Compte 5
tel 0034 96 3913134
Piccolo e piacevolissimo ristorante a due passi dalla Lonja, dove cenare la sera o mangiare tapas (a partire da 5 euro) a mezzogiorno. Ambiente un po’ funky, con grandi murales alle pareti.

La Pepica
Paseo de Neptuno 2
tel 0034 96 3710366
Non spaventarti per la dimensione di questo maxi-ristorante (ha oltre 400 posti). Sei finita nel regno della paella: la più antica se non proprio la migliore. Qui hanno pranzato i re, Hemingway (che è quasi lo stesso), i toreri, i famosi. E pranzano tutti i giorni uomini d’affari e turisti. La paella è la più classica e, dato il via vai, puoi stare certa che sia anche la più fresca.

Ca’ Sento
Mendez Nunez 17
tel 0034 96 3301775
Il proprietario è un artista, un genio della cucina, matto come un cavallo ma pazzamente simpatico. Se ti prende in simpatia ti tratta da regina e avrai la cena più indimenticabile del tuo soggiorno. Se lo irriti è capace di buttarti fuori (con garbo, è pur sempre un caballero). Prezzi alti.

Bodega Montana
calle Josè Benlliure 69
tel 0034 96 3672314
Più che mangiare si assaggiano tapas di jamòn e pesce, formaggio e altre sfiziosità. Ambiente giovane e molto piacevole.

Da vedere

Prima di tutto un giro nel casco viejo, il cuore della città. Le case sono antiche o vecchiotte, i monumenti illuminati di notte, le vie strette e i negozi quell’aria polverosa e senza tempo di alcuni centri della Spagna. Ma d’improvviso ti si aprono squarci bellissimi, come quello della plaza Redonda, nella quale le donne vendono pizzi e merletti.

I caffè

Come in tutta la Spagna, anche qui i caffè sono un’istituzione. Ce ne sono a decine, di tutti i gusti, e gli spagnoli ci passano gran parte del loro tempo libero. Ecco i più antichi e caratteristici.

Horchateria Santa Catalina
Plaza Santa Catalina 6
tel 0034 96 3912379
Un posto storico in centro città dove bere una horchata, bevanda tipica della Spagna calda e assetata, a base di orzo.

Horchateria El Siglo
plaza Santa Catalina 11
tel 0034 96 3918466
Cioccolata calda in inverno, gelato d’estate. Rinfrescante e suggestivo, come i vecchi caffè spagnoli di una volta.

Oceanografic

Immagina 80 mila metri quadrati di superficie dedicata a mari e oceani, 42 milioni di acqua (che corrispondono  più o meno a 15 piscine olimpioniche), 45 mila esemplari di specie animali e 10 edifici, compreso un ristorante sottomarino. Ti viene il mal di mare? E’ solo un’impressione. L’Oceanografic (Junta de Murs i Valls, tel 0034 96 1975500, www.cac.es) fantastico e futuristico edificio, piace per forza anche a chi ama solo la montagna. Intanto perchè è bello in sè, come architettura, tutto bianco e vetro, e poi perchè non è solo un acquario ma un’esperienza totale nel mondo dell’acqua. Tra l’altro è l’unico al mondo che ti consente di camminare per metri e metri completamente circondata da pesci, neanche fossi sott’acqua.
E non è che l’inizio: proprio di fianco all’Oceanografic ci sono il Museo de la Ciencias Principe Felipe, il cui motto è “proibito non toccare”, l’Emisferic, un edificio a forma di occhio umano all’interno del quale c’è il super-schermo Imax, l’Umbracle, una passeggiata in un giardino sottovetro (in realtà è solo un parcheggio per le auto, ma dimostra che anche i parcheggi possono essere belli) e il Palacio de las Artes, ancora in costruzione, che presto ospiterà l’opera e altri spettacoli da palcoscenico.
Mister Santiago Calatrava si è dato da fare nella sua città e ha saputo trasformare una media città spagnola sempre alla rincorsa delle più famose Madrid e Barcellona in un’attrazione.

Curiosità

• Il primo centro di internet a banda larga in Europa si chiama Ono e si trova in calle Vicente Màrtir 22, è aperto tutti i giorni fino all’1 di notte ed è il posto perfetto per navigare e scaricare la posta a velocità supersonica.

• Lo zafferano è un elemento fondamentale nella paella e il suo costo è superiore a quello dell’oro (2.103 euro al chilo). Le sue propietà sono però portentose: aiuta la digestione, il transito intestinale ed è perfino un antidepressivo.

• La Valencia Card è un modo comodo per girare la città con i mezzi pubblici. Costa 10 euro e dà diritto a viaggi illimitati per un giorno, oltre a consentire sconti negli ingressi ai musei, in alcuni ristortanti e negozi. Per informazioni 900 701818.

• Il bus turistic fa il giro turistico della città con quattro diverse fermate (plaza de la Reina, Ivam, Museo de Bellas Artes e Ciudad de la Ciencia). Si può salire e scendere a piacimento per 24 ore e durante il tragitto si ascoltano notizie sulla città in diverse lingue. Info al numero 0034 96 3414400.

Numeri utili

Aeroporto: 902400500
Ferrovia: 902240202
Stazione dei pullmann: 0034 96 3466266
Taxi: 0034 96 3703333
Emergenze: 112
Polizia: 091
Croce Rossa: 0034 96 3677375

Informazioni turistiche:
calle Paz
tel 0034 96 3986422

Ufficio spagnolo per il turismo in Italia:
via Broletto 30
tel 02 72004617
Milano

Valencia e’ raccontata da Daniela de Rosa




There are no comments

Add yours

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Translate »