Era il 1994 quando Francia e Inghilterra vennero unite, per la prima volta, da un tunnel scavato sotto la Manica (che gli inglesi chiamano comunemente The Chunnel). Sembrava un’opera fantascientifica, anche se ormai si sale e si scende dall’Eurostar (o si infila l’auto nel tunnel e Folkestone o a Calais) come se niente fosse.

Quando le due squadre di operai addetti allo scavo – quella francese e quella inglese – stavano per incontrarsi, i giornali britannici non perselo l’occasione per fare dell’ironia sui cugini amati-odiati e pubblicarono  “Si sente già puzza di aglio”, prendendo in giro la gastronomia d’Oltremanica.

Il tunnel venne inaugurato il 6 maggio 1994 da Elisabetta II e dal Presidente francese Francois Mitterand. In giugno il primo camion merci passò sotto il tunnel, in novembre fu la volta del primo treno Eurostar.

Il tunnel è lungo 50 km e si trova a una profondità di 75 m sotto il mare. È composto da tre gallerie: due per i treni nelle due direzioni diverse e una per la circolazione dell’aria e per gli addetti ai lavori. Ogni giorno 400 treni lo attraversano (e sempre pieni). La durata del viaggio nel tunnel è di 30 minuti scarsi. Londra e Parigi sono unite da un viaggio in treno di 2.15 minuti.

Il tunnel sotto la Manica