‘Brexit ha risvegliato l’odio per lo straniero’. Il romanzo di Caterina Soffici soffia su un fuoco molto attuale.

Un po’ romanzo, un po’ storia vera. Per la sua prima prova narrativa Caterina Soffici, giornalista italiana residente a Londra, sceglie di alzare la polvere su una storia mai chiarita. Quella dell’affondamento dell’Arandora Star nel 1940, a bordo della quale c’erano centinaia di italiani, civili principalmente, strappati nel corso di una notte dalle loro case e caricati a forza dagli inglesi per essere deportati.

Nessuno può fermarmi’ (Feltrinelli)  parte da lí, da un fatto vero sul quale il governo inglese non ha ancora fatto chiarezza e che Soffici scopre per caso leggendo una targa commemorativa all’interno della Chiesa di St. Peter a Clerkenwell, la zona tradizionalmente ‘italiana’ della capitale inglese. Un fatto tragico che nasce dall’odio verso ‘lo straniero’ e che Brexit porta tristemente a galla.

 




There are no comments

Add yours

Translate »