The Silent Traveller

Il viaggiatore silenzioso

“Sono un uomo dal temperamento curioso, che preferisce, nella maggior parte delle occasioni, restare in silenzio. Quando sono obbligato a parlare, la mia lingua curiosamente si arrotola e duole”.
Sono le parole di Chiang Yee, scrittore cinese che lasciò il suo Paese nel 1930 per l’Inghilterra, dove fisse fino al 1955, quindi a cavallo della Seconda Guerra Mondiale. Nel corso degli anni scrisse delle piccole guide di viaggio ‘silenziose’ del Lake District, di Edimburgo, di Oxford, perfino di Londra, che tutto è fuorché silenziosa.

The Silent Traveller Guides sono libriccini in cui Chian Yee, oltre a raccontare i suoi viaggi solitari, aggiunge illustrazioni ad acquarello secondo lo stile cinese, con pennello, china e carta assorbente. Parlano a bassa voce, ma raccontano tutto quello che il viaggiatore ha visto e sentito come difficilmente altre guide sanno fare. E lo fanno con grazia, in punta di piedi, con un garbo infinito, ma efficace. A te che leggi sembra di camminare con lui verso una montagna, bagnarsi di pioggia davanti a un lago, inzuppare i piedi nel fango.

Chiang Yee era un vero viaggiatore. Solitario, silenzioso, ma attento. Che sapeva viaggiare, ma soprattutto, sapeva guardare. ‘Una persona sensata trova un po’ di bellezza ovunque vada‘.




There are no comments

Add yours

Translate »