il-racconto-dei-racconti

Il Racconto dei Racconti, la storia di tutto

Il film “Il Racconto dei racconti”, che il giovane regista italiano Garrone ha tratto da: Lo Cunto de li Cunti di Giambattista Basile, e che  è appena uscito sugli schermi italiani, è uno dei film della terna che i nostri migliori registi (con Garrone, Moretti e Sorrentino) hanno  portato al Festival del Cinema di Cannes, ancora in corso.

Lo Cunto de li Cunti è una raccolta di 50 fiabe in lingua napoletana di Giambattista Basile pubblicata postuma tra il 1634 e il 1636. L’opera, che è la più antica d’Europa nel suo genere, è una pubblicazione fantastica in cui c’è  tutto: tutto il passato e tutto il futuro, tutto il fantastico e tutto il reale, tutto il magico e tutto il razionale, tutti i ruoli sociali e tutti i sentimenti. Potrebbe considerarsi il Libro dei Libri, in cui ci sono le radici mediterranee del nostro essere, accanto alle Fiabe del Nord Europa e a quelle russe e slave.

Il film di Garrone è una splendida trasposizione,  immaginifica e fantastica, abbagliante nelle immagini eleganti, dai netti contrasti che rendono reale l’irreale,  di tre fiabe della raccolta di Basile. I tre racconti sono stati – a differenza del libro – fra loro intrecciati, e quello che li lega è un duplice filo: la modernità dei desideri espressi, oggi vere ossessioni contemporanee, come la giovinezza, la bellezza, la maternità ad ogni costo – e la vita di tre donne, diversissime fra loro, accomunate dall’ostinazione della propria volontà che va contro l’impossibile, un elemento  davvero comune alla natura femminile.

In un Medioevo violento e incantato –  tra creature mostruose, foreste, torrenti, montagne altissime e pietrose  e labirinti di pietra,  preziosi castelli, perfette costruzioni geometriche  o in equilibrio precario su dirupi –  le donne.

Le donne qui impersonano, pur nei loro ruoli classici da fiaba (la Regina; la Vecchia; la Giovane Principessa)  la volontà, il desiderio forte e  manifesto, la tenacia di chi non si arrende davanti all’impossibile: il superamento, a costo della propria vita, dell’ineluttabilità del proprio destino.

Le donne, in questo film, sono la ribellione contro il tempo, la  sterilità, la povertà, la violenza e la sopraffazione, la morte.  E trasformano se stesse: una Regina – madre che fa patti con il magico per la vita del proprio figlio; una Principessa che accetta un destino orribile per onore,  sconfiggendolo  con coraggio, e diventando la regina potente e la donna libera che meritava di essere.

Basile già nel ‘600 scriveva (anche) al di fuori dello schema: donna- natura, e  Garrone nel suo film ci rende tutto questo con una scrittura visuale barocca  sofisticata e popola la tempo stesso, in una terra meravigliosa, che esiste davvero, e che è il Sud d’Italia

cannes-2015-salma-hayek




There are no comments

Add yours

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

ENTRA NEL GRUPPO DELLE DONNE VIAGGIATRICI!
Iscriviti alla Newsletter
Provaci, tanto ti puoi cancellare in ogni momento.
Iscrivendoti accetti la Privacy Policy
Iscrivimi
close-link
Translate »