latin lover

Tutte le donne di ‘Latin Lover’

E’ ancora meritatamente sugli schermi italiani il bel film di Cristina Comencini uscito un paio di mesi fa: Latin Lover.

Una rappresentazione miracolosamente armoniosa di un ritratto corale di un’umanità femminile che gira attorno alla memoria e al ricordo (diverso per ognuna)  di un uomo che è stato un celebre attore negli anni fra i Cinquanta e i Settanta e che, come Rodolfo Valentino, era partito da un paesino pugliese.

In questo paesino vivono ancora la prima moglie e la prima figlia, raggiunte in occasione del decennale della morte da un’altra vedova (la seconda moglie, questa spagnola, con la figlia e la sua famiglia) e da altre tre figlie, ognuna di nazionalità – e maternità – differente, con altrettanti nipotini. Questa riunione di famiglia di cinque nazionalità diverse è composta di rivalità e di alleanze incrociate, che per l’occasione esplodono come fuochi d’artificio.

Il film è anche un meraviglioso omaggio al grande cinema dell’epoca: la commedia anni Sessanta, l’impegno dei Settanta, dagli ‘spaghetti western‘, agli excursus d’oltralpe e a Hollywood, fino a un immaginario periodo bergmaniano, e naturalmente, all’autobiografia della stessa regista, attivista di Senonoraquando e figlia del grande Luigi Comencini. 

Il film racchiude l’ultima interpretazione di Virna Lisi (a cui è dedicato il film) e, con un impianto  teatrale, evidenzia piccole e grandi elementi della sensibilità e della capacità di contraddizione femminile, grazie anche a tutte le altre attrici che recitano con Lisi: l’impaccio esistenziale di Valeria Bruni Tedeschi, le nevrosi di Angela Finocchiaro, la spontaneità latina di Candela Peña, la naiveté nordica di Pilha Viitala e l’accento yankee di Nadeah Mirandai.

Al viso davvero antico –  e autoironico – di Francesco Scianna è affidato il compito di interpretare l’uomo dei sogni, con un omaggio affettuoso a Mastroianni, a Gassman, ma anche a Monicelli, a Ozon, ad Almodovar.

Le  donne del Latin Lover  durante il film riescono però tutte a sciogliersi da questo ingombrante legame, una liberazione che farà dire alla seconda moglie, il personaggio interpretato da Marisa Paredes, che si è disfatta di una parrucca: “Ora senza uomo e senza capelli finalmente mi sento me stessa“.

Una scena del film Latin Lover




There are no comments

Add yours

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

ENTRA NEL GRUPPO DELLE DONNE VIAGGIATRICI!
Iscriviti alla Newsletter
Provaci, tanto ti puoi cancellare in ogni momento.
Iscrivendoti accetti la Privacy Policy
Iscrivimi
close-link
Translate »